studenti programmi di studio ammissioni international bandi e concorsi contatti sostieni il conservatorio
Percorso: Home » News - Conferenza-Concerto Johannes Matthias Sperger

News
Conferenza-Concerto Johannes Matthias Sperger
Il 01.10.2011

Auditorium Nuovo Montemezzi 1 ottobre 2011, ore 17                                        

Conferenza                                                                    
Con la partecipazione dei Docenti Claudio Bortolamai e Paolo Pachera
Considerazioni su Sperger a cura di Marco Gavioli (laureando in Storia all’Università di VR)

Concerto
Sonata per Contrabbasso e Violoncello (Nuova edizione a cura del Prof. Claudio Bortolamai)
Allegro Moderato, Adagio cantabile, Allegro
Prof. Claudio Bortolamai, Contrabbasso
Prof.ssa Annalisa Petrella, Violoncello

Johannes Matthias Sperger (Feldsberg 23 marzo 1750-Ludwigslust 13 maggio 1812)
Johannes Matthias Sperger nacque a Feldsberg nella Bassa Austria, (ora Valtice /Rep. Slovacchia). Lo Sperger ebbe la prima educazione musicale nell’evoluta Feldsberg già residenza dei Principi di Liechtenstein da sempre grandi cultori delle arti e della musica e sede di un importante Monastero Francescano dotato di una scuola di Canto e una sua orchestra. Dal 1767 fu a Vienna, dove si formò sia come contrabbassista che come compositore. Secondo Il Meier lo Sperger ebbe come insegnanti il noto Pichelberger per il contrabbasso e Albrechtsberger per la teoria e la composizione. Nel 1777 diventa membro della Cappella del Principe Joseph von Batthyàni (futuro Cardinale d’Ungheria) a Pressburg (ora Bratislava/ Slovacchia) con il titolo di Virtuoso al Contrabbasso. In quest'ambiente di elevato valore culturale e musicale lo Sperger conobbe varie personalità musicali che saranno determinanti per la sua carriera come strumentista e compositore. Durante la permanenza a Pressburg lo Sperger compose 17 delle sue 45 sinfonie,  6 dei suoi 18 concerti per Contrabbasso, altri concerti per vari strumenti e diversa musica da camera.  Dal 1783 al 1786 Sperger prestò servizio anche presso la cappella di corte del conte Ludwig von Erdody a Kohfidisch e successivamente, dal 1786 al 1789, intraprese una tournée di concerti nel tentativo  di ottenere un posto di lavoro fisso presso qualche orchestra di corte.  All'inizio del 1788 si trova a Berlino e suonò varie volte dinanzi al Re Federico Guglielmo I di Prussia, buon musicista e apprezzato suonatore di Violoncello. In quest’occasione lo Sperger dona al Sovrano 7 Sinfonie tra le quali una “Cello - Sinfonie”  (lavoro concertante per Violoncello e Orchestra) e una Sinfonia concertante per Flauto, Viola e Violoncello (originale Contrabbasso). In seguito a queste frequentazioni il monarca   lo incaricò lo  di scrivere 2 Sinfonie per il matrimonio del principe ereditario Ludwig von Preussen. L’anno successivo, dopo aver condotto in aprile un viaggio in Italia dove fu ingaggiato alla corte di Modena, Parma e Trieste, si trovò in luglio un decreto d'assunzione come primo contrabbassista al servizio della Cappella musicale della corte del Principe di  Mecklenburg-Schwerin a Ludwigslust dove rimase per altri 23 anni.
Negli anni successivi effettuò  regolarmente concerti  e tournee in varie città tedesche: nel 1792 fu a Lubecca nel 1793 a Berlino, nel 1801 a Lipsia, dove suonò anche nell’Orchestra del Gewandhaus e infine a Vienna. Nel 1812 morì a Ludwigslust e in suo onore durante il rito funebre fu eseguito il Requiem di W. A. Mozart.

Considerazioni sull'artista
J. M. Sperger fu tra i compositori più prolifici del suo tempo, sebbene nell'epoca in cui visse la sua fama fosse principalmente legata alla propria bravura come suonatore di contrabbasso, uno strumento per il quale scrisse ben 18 concerti. I manoscritti delle sue sinfonie rivelano un'eccezionale abilità e un buon gusto nella strumentazione, specialmente nell'uso intenso dell'obbligato, dei solisti concertanti e del gruppo degli strumenti a fiato. I suoi concerti per contrabbasso sono noti per la varietà d’idee musicali, per la loro consistenza formale, e per la difficoltà di esecuzione visto l’uso intenso di accordi e arpeggi basati sull’accordatura  in quarte e terze  detta alla viennese.
La figura dello Sperger e le sue composizioni strumentali furono un punto di riferimento essenziale per lo sviluppo della letteratura solistica per contrabbasso, in particolare in area Tedesca ma anche in Italia lo Sperger ebbe grande influenza su   Domenico Dragonetti, Antonio Capuzzi,  Dall’oca, Cimador e Giovanni Bottesini.
Nel suo archivio musicale sono stati trovati tutti i concerti per contrabbasso del periodo Classico e grazie allo studio di questo materiale originale ora è possibile catalogare cronologicamente i concerti di Dittersdorf, Haydn, Hoffmeister, Vanhall, Zimmerman, Pichl e W. A. Mozart.

Sonata per Contrabbasso e Violoncello
Il Manoscritto si trova in buono stato di conservazione presso la Landesbiblioteck di Schwerin (Ms 5182) e comprende una partitura con i due strumenti e  2 parti staccate per il Violoncello e per il Contrabbasso. Il frontespizio della partitura reca in italiano il titolo del lavoro:
Sonata in H moll per il Contrabbasso e il Violoncello del Sig. Giovanni Sperger. In alto a destra compare la numerazione “N°ro 4”. Nella parte per contrabbasso compare la datazione “Anno 1790”.  La sonata si divide in tre tempi: Allegro Moderato, Adagio cantabile, Allegro. Il violoncello svolge solo la funzione di accompagnamento mentre al contrabbasso è riservata la parte solistica e virtuosa, con grande uso di corde doppie, arpeggi, armonici, ornamentazioni e cadenze. Sebbene sia stato scritto per il contrabbasso con accordatura alla viennese, grazie all’evoluzione tecnica della mano sinistra, la sonata è eseguibile nella stessa tonalità anche sul moderno contrabbasso con accordatura per Quarte da solista: Fa diesis-Si-Mi-La. La sonata è identica all’originale completa in tutte le sue parti, notazione, dinamiche, arcate e ottave.
La rielaborazione necessaria all’uso del Contrabbasso moderno (un tono sopra all’accordatura consueta) ha richiesto la riscrittura della Sonata in La minore  senza variare la Tonalità originale di Si minore.
Dato che le precedenti 3 Sonate erano state composte  per Contrabbasso e Viola, vista la frequentazione in quegli anni alla Corte di Prussia, si potrebbe ipotizzare che la Sonata N° 4 sembra  sia stata scritta appositamente con il violoncello per poter essere eseguita da Federico Guglielmo di Prussia. 

Musica per orchestra
45Sinfonie, 18 concerti per contrabbasso, 2 concerti per corno, Sinfonia concertante per flauto viola e contrabbasso, Adagio per viola e archi, Romanza per contrabbasso e archi, 2 adagi per contrabbasso e archi.
Numerose partite, divertimenti e cassazioni

Musica da camera
Circa 80 composizioni tra Nonetti, ottetti, sestetti, quintetti, quartetti, trii, duetti, per strumenti a fiato, arco e Pianoforte, nelle più svariate combinazioni

Musica per tastiera
Divertimenti, Sonate, Trascrizioni, Preludi per Organo

Musica Vocale
Varie cantate per festività, musica massonica, Arie da Concerto, Vari lavori corali


ALLEGATO: locandina conferenza-concerto Sperger