studenti programmi di studio ammissioni international bandi e concorsi contatti sostieni il conservatorio
Percorso: Home » News - Concerti del Chiostro 2011: Ensemble Diaologos

News
Concerti del Chiostro 2011: Ensemble Diaologos
Il 11.07.2011

GIOVEDÌ 14 LUGLIO ORE 19 
Auditorium Nuovo Montemezzi 
ENSEMBLE DIALOGOS La Gran Partita Oboe Paolo Grazzi, Violino Maria Odorizzi, Viola Igino Semprebon, Violoncello Annalisa Petrella, Pianoforte Laura Tringale Musiche di W. A. Mozart, C. F. G. Schwenke

L'Ensemble Dialogos è nato in seguito alla collaborazione in occasione di un concerto di musica contemporanea per Rai Trade (Ned Ensemble); si tratta di un gruppo di docenti affiatati ed animati dallo spirito di fare musica insieme, dei quali ciascuno è attivo in collaborazioni con orchestre e gruppi da camera in Italia e all'estero.


Wolfang Amadeus Mozart - Quartetto in FA Magg. KV 370
Il programma del concerto testimonia un po' il legame tra Mozart e l'oboe, intenso fino a quando si è innamorato del clarinetto. Il quartetto fu scritto per l'oboista Friedrich Ramm, che Mozart conobbe intorno al 1777 epoca in cui era primo oboe dell'orchestra di Mannheim, la principale orchestra del nord europa dell'epoca. In questa composizione Mozart usa un registro acuto mai usato prima per quello strumento, in virtù del fatto la scrittura era dedicata ad un virtuoso.

Christian Friedrich Gottlieb Schwenke - Grand Quintetto pour le Piano Forte, Hautbois, Violon, Viola et Violoncelle (Arrangiamento della Gran Partita KV 361 (370a) di Wolfang Amadeus Mozart)

La trascrizione della gran partita testimonia il successo della composizione originale di Mozart. La trascrizione fu fatta molto presto, nel 1801, dieci anni dopo la morte di Mozart, per permettere di fruirne nel circuiti della musica da camera. L'impianto è quello classico della serenata. Un primo movimento, un largo, apre un'ampia introduzione lenta, quasi sinfonica, che verrà utilizzata poche altre volte dal musicista. L'allegro molto che segue è costituito da un solo tema che si sviluppa nella capacità di dialogo tra i vari strumenti. In seguito abbiamo due minuetti con trii che evocano melodie popolari. Tra i due minuetti è racchiuso il celebre adagio, che rappresenta il punto più alto della composizione.