organi statuto albo pretorio biblioteca contatti
Conservatorio Casa Boggian Eps Biblioteca Contatti Normative Sostenere Il Conservatorio Old 2014-04-09 Premessa Epistemologica Musicoterapia Strutturedidattiche Istituzioni Consorziate Leggi Offertaformativa Tasse Esami Segreteriadidattica Sedi Trasparenza Sede Centrale Aula Spezzaferri Aula Multimediale Premiericonoscimenti Regolamenti Sale Da Concerto Aula Begal Aula Zardini Almalaurea Almalaurea Direttore Personale Servizi Altre Opportunita Testo Per Pagina Modulistica Finalità Centro Documentazione Video Conservatorio2 Contratti Pubblici Conservatorio In Breve2 Conservatorio In Breve Filomena-amicarelli Assenze Personale Dipendente Codice Disciplinare Relazioni Sindacali Pagamenti Collaborazioni Esterne Pubblicazione Informazioni Contratti Pubblici Sostenere3 Codice Disciplinare Personale Docente E Tecnico Sostenere Il Conservatorio Bilanci E Rendiconti Diplomasupplement Corsi Liberi 2014 15
Percorso: Home » Conservatorio - Eps

E.P.S. - EUROPEAN POLICY STATEMENT (DICHIARAZIONE DI MISSIONE EUROPEA)

E.P.S. - EUROPEAN POLICY STATEMENT (DICHIARAZIONE DI MISSIONE  EUROPEA)

 

1. STRATEGIA, OBIETTIVI E PRIORITÀ IN CAMPO INTERNAZIONALE

 

 

 

 

 

 

 

Nei piani di sviluppo del nostro Conservatorio un ruolo chiave è giocato dalla cooperazione europea ed internazionale. In particolare, il Conservatorio dà particolare risalto alla mobilità di studenti e docenti, alla partecipazione in progetti europei e allo sviluppo concordato di programmi di studio innovativi. Inoltre, anche attraverso programmi come Erasmus Mundus, il Conservatorio mira ad estendere le aree di collaborazione al di fuori dei confini dell'Unione Europea.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attualmente il Conservatorio ha stipulato accordi bilaterali Erasmus con quasi quaranta istituzioni europee. Da quando ha ottenuto la sua prima EUC (Carta universitario europea) nell'anno 2002 numerosi docenti e studenti del Conservatorio sono stati coinvolti in esperienze didattiche all'estero. Le cifre sono incoraggianti, ma il Conservatorio intende incrementare non solo il numero di studenti e docenti in uscita, ma anche il livello di partecipazione in ‘Programmi intensivi' (IP), ‘Reti tematiche' (TN) e progetti bi- e multi-laterali. Allo stato attuale il Conservatorio è coinvolto in progetti in diversi aree tematiche (Musica da camera, Musica antica, Tecnologia musicale, ecc.).

 

 

Per potenziare l'offerta formativa e l'efficacia del lavoro dei docenti e del personale amministrativo, il Conservatorio dedica le necessarie risorse alla creazione di rapporti dinamici con partner europei che desiderano condividere le proprie competenze in diversi campi. Essendo il Conservatorio un'istituzione di dimensioni contenute (con circa 200 studenti coinvolti nell'Alta Formazione), è particolarmente conscio dei benefici che derivano dai partneriati internazionali e dalla condivisione di forze complementari.

 

Il Conservatorio è membro dell'Association Européenne des Conservatoires (AEC) e partecipa attivamente ai suoi vari lavori (congressi, incontri settoriali, seminari).

 

Il Conservatorio condanna ogni forma di discriminazione (di sesso, razza, religione) ed è inoltre impegnato nella lotta contro le barriere per i disabili. Attraverso le sue attività (didattiche, artistiche, culturali) cerca di instaurare uno spirito di coesione sociale e di stabilire legami stretti tra formazione musicale, cultura e ricerca. In questo contesto le Relazioni internazionali giocano un ruolo importante.

 

Il Conservatorio si impegna a dare adeguata visibilità alle relazioni internazionali e alle sue attività, sia attraverso i canali tradizionali (pubblicazioni, guide, bacheca internazionale, sito internet bilingue) sia attraverso le diverse attività svolte dagli studenti e docenti in campo internazionale (master class, stage, concerti, progetti, ecc.).

 

 

2. STRATEGIE PER MIGLIORARE LA COOPERAZIONE E LA MOBILITÀ

 

Per garantire la qualità del suo operato in campo internazionale il Conservatorio ha creato un Ufficio Internazionale con relativi coordinatore e assistenti (personale amministrativo, studenti). Questo Ufficio offre ai docenti e agli studenti (in entrata e in uscita) le informazioni, i consigli e il sostegno e assicura un corretto svolgimento delle sue funzioni. Nelle aree in cui il Conservatorio ha oggettivi e inevitabili limiti (vedi, per esempio, la mancanza di un ‘Ufficio Alloggi' o di ‘Corsi intensivi di lingua italiana'), è stata stipulata una convenzione con l'Università di Verona. Laddove questo è possibile, il Conservatorio cerca di integrare l'offerta formativa con corsi di lingua aggiuntivi.

 

Oltre ai regolari adempimenti amministrativi e burocratici richiesti dall'Agenzia Erasmus nazionale, il Conservatorio mira a perfezionare l'utilizzo di tutti gli strumenti ECTS (crediti, voti ECTS, Supplemento di diploma, ecc.) e sviluppare adeguati sistemi di valutazione. Per migliorare la qualità della mobilità, il Conservatorio è particolarmente impegnato nei seguenti settori:  

- la creazione di uno spirito internazionale all'interno del nostro Conservatorio, incoraggiando un ruolo più attivo nell'internazionalizzazione sia degli studenti sia dei docenti;

- lo sviluppo di una dimensione internazionale anche nei programmi di studio, soprattutto attraverso le visite di docenti esteri e le possibilità di offrire corsi, moduli e stage in lingua straniera;

- il monitoraggio degli studenti in uscita (per abilità musicali, competenze linguistiche, motivazioni, ecc.);

- il miglioramento dell'integrazione sociale e linguistico degli studenti in entrata;

- il miglioramento dei servizi del Conservatorio, per avvicinarli ai più rigorosi standard internazionali;

- la creazione di solide collaborazioni europee mediante lo scambio di conoscenze con le istituzioni partner;

- lo sviluppo di attività congiunte; con la prospettiva anche di creare ‘lauree congiunte';

- la promozione di progetti internazionali nelle aree di maggior dinamismo e forza specialistica;

- lo sviluppo congiunto di strumenti tecnologici innovativi, anche per creare nuove forme di collaborazione internazionale;

- l'elaborazione di sistemi di feedback come strumento per garantire un miglioramento costante.

 

 

3. SVILUPPO DEGLI STAGE INTERNAZIONALI

 

In vista della necessità, sempre più pressante, di stabilire legami stretti con il mondo esterno e con il mercato del lavoro e di introdurre nuovi elementi di competitività nella propria offerta formativa, il Conservatorio sta studiando, in alcune aree particolarmente adatte (per esempio, orchestra, tecnologia musicale, musicoterapia), la possibilità di offrire agli studenti i vantaggi di stage lavorativi. Naturalmente gli stage svolti in paesi esteri - proprio per gli ulteriori vantaggi che possano derivare dalle esperienze di mobilità (allargamento delle competenze; acquisizione di competenze linguistiche, ecc.) - presentano caratteristiche ancora più interessanti che il Conservatorio intende esplorare. Tra le tematiche studiate con i suoi partner europei, particolare attenzione viene data ai seguenti aspetti:

- la creazione dei necessari contatti esterni, cioè con le aziende ed istituzioni che lavorano nei campi pertinenti;

- la definizione delle procedure amministrative e il chiarimento dei doveri rispettivi del tutor (del Conservatorio) e del supervisore (dell'Azienda);

- l'organizzazione degli adempimenti burocratici: documentazione preliminare, rapporti (periodici e finali), raccomandazioni aziendali, ecc.